La via Flaminia minore

Nel 1976, l’ipotesi che la via costruita dal console Gaio Flaminio muovesse verso la via Emilia scendendo dall’alta valle dell’Idice veniva suffragata dalla presenza sul crinale Idice Sillaro di toponimi medievali rivelatori di un esito del nomen consolare identico alla più nota via Flaminia tra Roma e Fano. L’ipotesi avebbe in seguito spiegato la grande importanza che un documento come la Tabula Peutingeriana dava al crinale tra le due valli.